riordinare le idee e non solo

Per la Befana, da mia madre mi son fatta regalare “Il magico potere del riordino” della giapponese Marie Kondo (Kondomari), che alcuni di voi conosceranno. Di rado compro libri di questo genere ma lei e la sua “filosofia” mi intrigavano. Dopo averlo letto, profondamente illuminata, l’ho passato al Windsurfista che essendo di tendenza minimalista e amante del vuoto, ha assunto il libro quale guida spirituale e adesso snocciola versetti del libro ogni qualvolta cado nell’errore dell’accumulo, del cambiare posto alle cose invece di buttarle, dell’aggrapparmi all’assurda affettività di certi biglietti di concerti del 2008 e cose così.

Ho cominiciato anche io a liberarmi di cose che non mi servono e a riordinare spazi che pensavo non potessero liberarsi. E devo dire funziona. In una settimana mi sento già alleggerita.

Ho diviso i momenti di riordino in base alle mie aspirazioni: chi sono? Cosa voglio? Cosa mi piace realmente e cosa mi serve per poter vivere in maniera felice? Le prime risposte che mi sono venute in mente sono state: mi piace fare i dolci, mi piace leggere, mi piace fare sport.

Prima missione, quindi, riordinare il mio cassetto degli attrezzi da pasticceria che stava in un caos incredibile causato essenzialmente dal fatto che dedico troppo poco tempo a questa mia passione. Ho riorganizzato il mio cassettino, utilizzando due belle scatole (ho pure l’insana passione di accumulare scatole di cartone e di latta tra le altre cose, a questo punto usiamole) e dividendo gli attrezzi a secondo del loro specifico utilizzo. Risultato: ho una zona di lavoro tutta mia che sembra quella di un professionista. Sono molto felice e non vedo l’ora di mettermi all’opera.

Secondo passo: buttare via le cose che sono in giro e che non trovano una loro collocazione. Avevo un cassetto dove buttavo di tutto, dagli scontrini, alle tessere di fidelizzazione alle ricette del medico. Ho scoperto che devo farmi ancora le analisi del sangue da questa estate. Vedi la vita, a volte. Il resto via, i ricordi  del film visto in un cinema a Jaipur o dei Campovolo a cui ho partecipato, rimangono vividi e non importa accumulare carta in un cassettino già piccolo.

E’ solo l’inizio. Grandi le sfide che ho davanti: ordinare il bagno e il suo contenuto, eliminare i campioncini dei cosmetici che infestano questi 38 mq  e tan tan tan tan tattaaaaaaa…..resettare l’armadio. Ce la posso fare.

20160109_104247[1]

 

 

 

 

Annunci

11 pensieri su “riordinare le idee e non solo

  1. donna allo specchio

    io l’ho comprato, ho iniziato a leggerlo e… l’ho abbandonato perchè secondo me quella è matta, una furbissima matta che ha un grande merito: ha fatto del suo hobby la sua professione. Ci fossi riuscita io, sarei una brillante fotografa naturalista. pero ho cercato di seguire un po il metodo, non buttando per terra I miei vestiti, ne dando via I golfrini che mia madra ha lavorato a maglia per me (le farebbe troppo male). In compenso ci ho ricavato delle grandi inkazzature nel vedere che non entro più nella maggior parte dei vestiti e, per riflesso, sono corsa a comprarne altri approfittando dei saldi.

      1. donna allo specchio

        si certi top hanno fatto il loro tempo anche per me, ma mia madre sarebbe capace di uccidermi se le getto I golfini che ha lavorato a maglia con tanto amore anche se sono di 30 anni fa e non li metto più. 😉 In compenso le cose in cui non entrero più perchè a 40 e tanti anni si cambia figura ….è meglio se hanno un altra vita

      1. no aspetta, la mia naturale tendenza al “butto via tutto quello che non mi serve” si scontra con il retaggio di accumulatore di mio marito. Casa nostra è schizofrenica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...