amici sì, no, forse

In questi giorni sto pensando molto alla gestione delle mie relazioni personali. Tutti noi abbiamo una cerchia di conoscenze, più o meno larga. Nel corso degli anni la mia si è allargata a dismisura e come tutte le cose ha subito delle trasformazioni: alcune conoscenze sono diventate qualcosa di più mentre al contrario certe amicizie che mi sembravano solide si sono sciolte come neve al sole. Ci sono poi conoscenze che vorresti rimanessero tali ma che dall’altra parte del rapporto tendono a voler esser qualcosa di più. Ossia, a te non importa di avere questa persona come un’amico/a, ma egli/ella insiste.

Che fare in questi casi? Io ammetto che non ho il coraggio di trattare male una persona che, anche se non rappresenta per me il massimo del divertimento o della simpatia, con me ha un atteggiamento amichevole. Cerco di mantenere una certa distanza, senza essere offensiva e con gentilezza e alla fine finisco per passare una serata o il tempo di un caffè con la persona in questione senza tanti problemi. Anzi, a volte è pure piacevole. A piccole dosi la maggior parte delle persone è piacevole.

Tutto questo per dire che non posso ringambare per l’ennesima volta FdC, che oltretutto ha passato un brutto periodo, si è confidata con me e, povera creatura, ho provato per lei del sincero affetto e comprensione. Quindi una pizza da asporto a casa sua per vedere le foto del matrimonio non mi sembrava una cosa così terribile ma per il Windsurfista tutto ciò non ha senso.

Lui non ne vuole sapere. E’ pazza, dice, mi inquieta, non sopporto il marito, figurati se spreco una serata per uscire con loro quando non ho tempo per vedere i miei amici. Che poi non è vero, i suoi amici sono come lui, e cioè asociali, e si vedono una volta all’anno per annunciare tra l’altro matrimoni a tradimento. Io, che forse sono diplomatica fino al ridicolo, sostengo che una cena una volta all’anno con FdC e marito si può anche fare, oltretutto non saremmo nemmeno noi 4 da soli. Sei falsa, mi accusa lui. No, sono diplomatica e gentile, ribatto io.

Cosa è meglio quindi? Fare gli stronzi duri e puri o andare, che in fin dei conti FdC con me è sempre gentile- seppur nelle sue modalità che a volte mi lasciano interdetta? O davvero la politica mi ha permeato a tal punto che le mie relazioni personali sono gestite come delle relazioni pubbliche? Eppure mi par di essere anche troppo severa. Sto tagliando i rapporti con amici, ma soprattutto amiche, che nel corso di questi anni si sono dimostrati completamente disinteressati alla mia esistenza oppure che trovo profondamente noiosi, prevedibili e limitati.

Grosse questioni che non troveranno mai un punto di incontro tra me e il mio spigolosissimo uomo. Nel frattempo, e a proposito di nuove amicizie, abbiamo passato una bellissima domenica di novembre con altri blogger toscani, cucinando e mangiando sul nostro balcone all’ultimo sole autunnale, ridendo di cose cretine e meno cretine, divertendoci così tanto da dimenticarci di servire lenticchie indiane e semifreddi al torroncino. Pazienza, ci sarà modo di replicare. Però ora voi cercate di convincere il Windsurfista ad andare a mangiare la pizza da FdC. Pensate che lei si sia arresa?

Tsé.

Annunci

7 pensieri su “amici sì, no, forse

  1. Capisco che la sua compagnia possa essere non desiderabile ma per come la vedo io una cena all’anno si può tollerare.
    Non la leggo come un’ipocrisia.
    È vero e confermo che FdC sia a volte… beh ci siamo capiti ma non per questo è una persona da cancellare dalla faccia della terra.

    —Alex

  2. però è anche vero che il tempo è poco, una risorsa preziosa. Pensala come a un bellissimo regalo. Se il widsurfista non è d’accordo a farle un regalo, puoi anche non costringerlo. Vacci da sola…tanto a lei non interessa lui!

  3. com’è andata a finire poi? secondo me il Windsurfista ha tanto paura della cena di FdC. ma se ha detto che prende la pizza da asporto, che problema c’è? al massimo ci vai da sola: meglio dare un po’ di attenzione a chi si mostra premuroso – anche se non è il tuo migliore amico – piuttosto a chi si auto-inserisce nella categoria dei grandi amici e poi non ti caga manco di striscio.
    che grandissimo pranzo, da ripetere assolutamente al più presto! un bacio :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...