di profumi e superuomini

Qualche giorno fa ero in profumeria per spendere uno sconto di ben 30 euro. Dato che la mia crema per la faccia era inesorabilmente finita da giorni e dato che ormai stavo finendo anche i campioncini accumulati, mi sono decisa.

La commessa ha cominciato subito male :- Vedo che ha il contorno occhi molto segnato- – Per forza- ribatto incazzosa- è venerdì sera e sono stanca morta- . Non devo cadere nella trappola delle provocazioni, penso tra me e me facendole un sorriso smagliante.

Mentre sono con la commessa che mi mostra prodottini fantastici che mai acquisterò, si profila accanto a me l’ombra di un uomo che con un’altra commessa comincia ad aggeggiare diversi profumi. Mi rendo conto dopo poco che lo conosco: è un professore universitario e politico locale conosciuto tramite Mister X per lavoro. Faccio la gentile e lo saluto. Lui è visibilmente imbarazzato, non so se perchè sto comprando io un anti age o perchè si sta comprando lui un profumo. Capisco che è per la seconda ragione. Immagino che essendo di una certa età, sedicente intellettuale e sinistrorso comprare un profumo in una profumeria, piegarsi ai biechi simboli del mero apparire ed essere colto in castagna da una pezzentissima assistente possa essere devastastante. Siccome quest’uomo mi è stato sulle palle dal primo momento che l’ho conosciuto a causa della sua inutile supponenza,  ho rallentato le mie attività in profumeria per riscaldare l’atmosfera e aumentare ulteriormente il suo disagio.

-Strano posto per incontrarsi non è vero?- rincaro la dose con un sorrisetto e un tono allegro mentre raccolgo il mio vasetto e i diversi campioncini che la commessa mi ha proposto. Lui non risponde. Sorrido e lo saluto ma prima abbasso gli occhi perchè voglio vedere cosa si sta comprando. Dandogli un’ultima possibilità spero che stia scegliendo un costoso e sensualissimo profumo da donna da regalare alla moglie, o fidanzata o amante, a una donna insomma- ho la certezza che sia etero-.  Un profumo per mostrarle il suo interesse carnale, per evidenziare la sua passione. Mi attacco alla speranza che  sia in preda all’amore e al desiderio per un’altra persona ma noto che davanti a lui ci sono solo profumi di Cartier da uomo. E la speranza si sgretola nella  certezza che quest’uomo ama solo stesso come pensavo. Come tutti quelli come lui.

E sono davvero parecchi.

 

Annunci

15 pensieri su “di profumi e superuomini

  1. Commento preventivo:
    sono sicuro che un campione di 100 donne risponderebbe che no, mai e poi mai potrebbero essere attratte dal tipo di uomo descritto da Ondalunga…
    Poi però in privato…

    1. donna allo specchio

      mah, dipende dal profumo, comunque è meglio il profumo che l’odore di sudore che nei maschi appare più pronunciato che nelle donne (forse perchè per alcuni non è virile usare un semplice deodorante)

      1. l’odore di sudore mi raccapriccia, ma il profumo mi fa girare la testa, e non in senso buono. è che sono sensibile agli odori, purtroppo, e i profumi mi fanno proprio male al naso.

  2. Io uso deodoranti e profumi, e non per questo mi sento meno uomo. Perchè mai dovrei farmi un problema simile? Per me fa parte dell’essere “ordinato”, esattamente come farmi la doccia, la barba o tenermi a posto le unghie.

    1. nessuno infatti nel post afferma il contrario. Io mi sono soffermata sul fatto che il superuomo in questione compra per sè e non per una lei. ma si badi bene non c’è niente di male a farsi degli acquisti per sè, solo che in questo caso dato che fa parte di una cerchia di persone che frequento e che ti assicuro sono prese solo ed esclusivamente da sè stesse e che disdegnano la massa proletaria piegata al consumo feroce di beni inutili, ecco mi sono permessa di ironizzare sull’incontro nel tempio dell’inutilità e della superficialità e sul suo acquisto.

      1. donna allo specchio

        @ritagli di pensiero: metto qui la risposta perchè + giù il compiuter non mi da la possibilità di commentare. Non ho detto che tutti gli uomini non considerano virile lavarsi, ho usato il termine “alcuni” perchè non amo generalizzare. Credo dipenda da vari fattori, culturali in primis. Per alcuni, il sentire è un fatto di orgoglio, indica che la persona ha lavorato. E poi dove lo mettete il disgustoso detto che circolava anni fa “l’omo ha da puzza”. Io l’ho sempre trovato orribile

      2. donna allo specchio

        P.S. La mia invece era una risposta a Zion che diceva che il profumo sui maschi lo odia, a me piace invece, è sinonimo di cura di se (che poi ci possa essere solo la cura esagerata di se e non degli altri, come nel caso di specie, è un altra storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...