fine della fine delle abitudini

Ancor prima di assaporare la rottura della routine ho capito una cosa: che il pendolarismo uccide qualunque idea. Ho perso ben due lezioni di tai chi prima perchè ero fuori per lavoro (non era proprio lavoro ma insomma ero fuori) poi perchè treno+sorte avversa+ complicazioni del momento rendono impossibile il mio arrivo in palestra per l’ora della lezione.

Perciò devo rassegnarmi ai corsi dell’ora di pranzo, che si sa sono corsi da ora di pranzo. (ossia zumba & C).

E’ ufficiale: il mio stile di vita non contempla la meditazione. Non c’è tempo.

A proposito, ieri in autogrill ho incontrato lei . E quando incontri una come lei la smetti di lamentarti per niente.

 

Annunci

7 pensieri su “fine della fine delle abitudini

  1. Secondo me non è solo il pendolarismo e la dipendenza dal trasporto pubblico che ti frega.
    Penso che sia proprio la routine della sveglia-doccia-trasporto-ufficio-trasporto-cena-pulire-nanna che alla fine non ti lascia voglia e spazio per niente altro.

    —Alex

    PS = Qui a lavorare con me ho una collega, vincitrice di due medaglie paralimpiche ad Atlanta ’96…
    Un incidente e l’imperizia di un (sedicente) luminare della medicina talmente sborone da non sapere riconoscere una cancrena le hanno portato via una gamba ma non la voglia di vivere e lottare.
    Capisco bene cosa si prova a incontrare delle persone vive, vitali ed ispiranti come loro. Un toccasana.

    1. guarda….se non dovessi svegliarmi a delle ore allucinanti sarebbe possibile fare anche il tai chi alle 9.00. ma fino a che vivo fuori città per esserci dovrei prendere un treno alle 7 e 20 e arrivare già in coma. Ti immagini che benessere?????

  2. donna allo specchio

    non è solo il pendolarismo, pero un po conta…

    il tai chi? io ho il mio agopuntore, la cui moglie è prof di tai chi, pare mi farebbe bene per le ernie discali (ne ho 2), ma non sono portata per la meditazione
    quanto a Beba e la collega di Ad blues, di fronte a loro non ho il coraggio di lamentarmi delle mie erniette, anzi le prendo di esempio nei miei momenti più duri in cui dubito se potro riprendere una vita sportiva come prima (canottaggio, equitazione, trekking)

    1. 😦
      ad ogni modo ieri mi ha intimato di cambiare corso, lui è stata la prima vittima di queste levate all’alba iperfrenetiche che dalle 6 e 30 instillavano in me una certa simpatia da lupo mannaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...