empatie e istinto

A causa della mia attività sono a contatto quotidianamente, in modo virtuale e non solo, con decine di persone. E ne incontro continuamente di nuove durante le occasioni di relazioni pubbliche. Di solito prima di farmi un’opinione sulle persone cerco di conoscerle meglio perchè spesso le pregiudiziali possono confondere ma di solito il mio istinto non sbaglia mai, e generalmente uso la conoscenza per comprovare quello che l’stinto già mi aveva detto nei primi dieci minuti di relazione.

Anche l’empatia è un fattore importante, una persona che io trovo gradevole e con cui non ho difficoltà a relazionarmi per altri invece può risultare addirittura antipatica. Ho scoperto ad esempio che uno delle cose che ammiro in più in Mister X per altri è terribilmente sgradevole. O meglio, io non mi sono mai accorto di questo lato sgradevole e di conseguenza mi domando se non sia perchè lo possiedo anche io. Il che, detto fra noi, mi fa ben sperare nel mio futuro.

L’istinto però non mente mai, non mi ha fatto mai sbagliare, anche se l’approfondita conoscenza lì per lì pareva darmi torto poi il tempo ha dimostrato che avevo ragione.

Ora io ho conosciuto tramite terzi una persona di cui questi terzi hanno parlato gran bene. Ma nel giro di un paio di giorni non solo il mio campanello d’allarme, che aveva subito cominciato a suonare si è trasformato in un frastuono aumentando ulteriormente la mia diffidenza, ma ho avuto modo di trovarmi davanti a comportamenti che mi mettono in serio imbarazzo nel momento in cui terzi mi domandano” ma cosa pensi di Tizia?”.

Tizia per me è una che racconta un sacco di balle ed è pure arrivista e senza scrupoli. Sulle due ultime qualità non faccio commenti perchè ognuno è libero di adottare i comportamenti che vuole, ma sulle fandonie mi irrigidisco perchè utilizzare la menzogna per scavalcare gli altri non  mi pare carino.

Direte, perchè la povera Tizia secondo te racconta bugie?

Perchè non è possibile che una che è appena rientrata in Italia dopo anni di luminosa carriera all’estero possa avere :

1. un’ex fidanzato che vive nel mio Sobborghino ( quando le ho detto dove vivevo subito è venuta fuori questa cosa e io ho pensato toh che coincidenza dato che questa è originaria oltretutto del nord Italia)

2. il suo amato cane è rimasto dal suo ex fidanzato nel Sobborghino (stavo parlando del mio amato cane e toh guarda un’altra coincidenza)

3. ha lavorato in un continente lontano nello stesso buco sperduto dove ha lavorato una mia collega (toh che coincidenza, mi ha detto la collega mentre parlavano di ciò)

Bene, io sarò dietrologa ma a me tutte ste coincidenze mi danno da pensare, se poi si sommano a il mio istinto, l’arrivismo e il suo comportamento paraculissimo , insomma, ecco, che gli devo dire io a terzi quando tutto entusiasta mi dirà: “in gamba Tizia, hai visto che cv? ma tu cosa ne pensi?”

Annunci

3 pensieri su “empatie e istinto

  1. Zion

    Beh dipende: se sono tuoi capi e la ADORANO, allora rimani tranquilla e sii superficiale nel dirglielo.
    Se invece sono persone di cui ti fidi e che non correranno immediatamente a dirle “sai cosa ha detto quella @#@# di te?”, allora sii sincera. Pazienza se non ti credono. Vedranno…

  2. Pure io la penso come te: raramente mi sono sbagliato nel giudicare le persone, anche al primo incontro.
    Di solito può sembrare una presa di posizione un po’ esagerata ma è così…

    —Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...