c’è farina e farina

Avevo già usato una volta la farina di grano duro, per impastare la focaccia dolce natalizia, ieri ho sperimentato la stessa per fare la pizza.

Il risultato a parer mio  e del Windsurfista L’Intenditore, che per essere sicuro si è mangiato un’intera teglia di pizza più metà focaccia con le cipolle, è decisamente positivo. Bisogna avere occhio nel renderla più o meno elastica. In genere io tendo a farla lievitare molto morbida per poi semmai aggiungere farina dopo nella seconda lavorazione. La pizza viene più alta rispetto a quella fatta con la farina di grano tenero e mi sembra, ma questo forse dipende da altri fattori, lieviti meglio. Della stessa marca ho acquistato anche la farina di semola rimacinata per il pane e presto la sperimenterò, ieri sera per iniziare ho fatto il pane ai 5 cereali. Tra l’altro ci siamo abituati a non mettere il sale nell’impasto di pizza e pane, ma forse siamo un pochino esagerati, solo che davvero ci piace così.

Per farvi capire il momento vi dico solo che la temperatura in cucina era hot. Sono partita con la prima infornata, il ciambellone per la colazione, poi siamo passati alla pizza e infine mentre ci godevamo “Super 8” abbiamo lasciato cuocere il pane. Sudati e rimpinzati.

E Super 8 è davvero ma davvero bellino.

Annunci

14 pensieri su “c’è farina e farina

  1. proprio oggi dovevi farlo, ‘sto post? ho fatto un test delle intolleranze ed è uscito fuori che sono intollerante alla farina bianca, quindi la sospendo per 10-15 giorni. che affronto, per la figlia di un fornaio… 😦

  2. Allora, la farina di grano duro ha più glutine quindi lievita in modo differente ed è adattissima oltre che per la pasta anche per la pizza.
    Il gusto invece dipende più dalla durata e dal tipo di maturazione dell’impasto oltre che dal tipo di lievito usato (di birra oppure pasta madre).

    Formichina cara, i test delle intolleranze mi lasciano MOLTO perplesso. A parte intolleranze come quella al glutine che è una vera e propria malattia, il resto pare avere delle basi scientifiche parecchio traballanti.
    Che avrebbe di differente la farina bianca da quella integrale a parte la crusca (che è in più?).
    Se poi uno è intollerante lo è tutta la vita e non per 15 giorni. Ho la netta sensazione che dietro questa moda delle intolleranze vi sia poca scienza e molto business.

    Scusatemi lo sfogo 😉

    —Alex

    1. e infatti ho sospeso pure l’integrale, meglio stare sicuri.
      pero’ credo che un fondo di verità queste cose ce l’abbiano: ho deciso di farlo dopo che, per un periodo, ogni volta che mangiavo pasta o pane avevo come l’impressione che mi avessero messo un sasso pesantissimo sul petto… 😦

  3. sai come ti accorgi di essere intollerante a qualcosa? che dopo aver mangiato la tal cosa passi le restanti ore al cesso a deperire. Cosa che a me a volte e con alcune cose capita. Ora, siccome certi sintomi sono tipici della celiachia io ad esempio con l’antigliadina al limite ogni tot mesi mi devo fare un esamino. per il resto il mio medico mi ha detto che dagli esami ( io ho allergie che sono altra cosa purtroppo) risulterei sensibile a pomodoro e farina di grano perchè COME TUTTI ho una dieta prevalente di farina di grano e pomodoro. E infatti il consiglio semmai è di variare.

    Se la mia pizza era buona allora dici che il merito è mio? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...