torta di mele selvatiche

La fortuna di avere parenti e genitori ad Apuania è quella innegabile di poter passare l’estate al mare ma anche di godere dei frutti di orti e giardini di famiglia.

Ho passato l’intero agosto a mangiare i fichi del mio albero, da soli, con miele e formaggi di capra, ma soprattutto con la focaccina. La migliore colazione di sempre.

La settimana scorsa mia cugina mi ha portato un sacchetto di meline selvatiche. Questo albero, cresciuto da solo, produce mele verdi abbastanza piccole, lievemente acidule ma non troppo. Ideali, a mio avviso, per la crostata. E così ieri sera per ammazzare una depressione da solitudine forzata ( Windsurfista all’estero tutta la settimana per lavoro) ho impastato una crostata stile Nonna Papera, con mele a pezzetti messe crude con zucchero, cannella e zenzero.

Spaziale.

Mi ha addolcito mentre cercavo di vedere fino alla fine quell’orrendo film di Silvio Muccino, che poi non ho visto finire mentre ho visto finire la fetta di torta calda dal mio piatto. Molto ma molto meglio di Muccino.

Annunci

12 pensieri su “torta di mele selvatiche

      1. È fame da dieta 😉
        In realtà non sto seguendo propriamente una dieta. Sto solo cercando di mantenermi leggero e non mangiare cibi troppo “ingrassanti”…
        Inutile dire che sogno gelati, torte e perché no, teglie di lasagne !!!

        —Alex

    1. ondalunga

      Non è perchè è un film sentimentale, figuriamoci io sono una di quelle che frigna davanti a film visti e rivisti. E’che a parer mio dentro c’era tanta di quella roba che lo faceva assomigliare più a un film di fantascienza che a uno d’amore. Se Muccino si fosse limitato a descrivere il rapporto tra lui e la francese sarebbe stato perfetto, magari evitando di dire che lui era in una comunità per drogati ma non per colpa sua e addirittura abbandonato dall’uomo che lo accoglieva ecc ecc. Francamente troppo.

  1. non so…io invece ho apprezzato tutti i momenti e il condensato di traumi che, magari è un pò troppo, ma in effetti spesso caratterizza tutti noi.
    di ogni cosa c’è stato solo uno squarcio, si poteva fare un film su ogni aspetto appena accennato ma invece si è rimasti sul filo della comprensione di provare amore per una persona reale piuttosto che per un sogno…ma rispetto il tuo pensiero. felice di conoscerti cmq. ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...