è un angelo

-Ma è un angelo – ho esclamato prendendolo in braccio.

E siccome mi è subito venuto in mente Malausséne, ho  battezzato il mio nipotino nuovo di zecca con il nome di E’ Un Angelo, come l’omonimo malausseniano.

Se ne sta buono buono, non piange, non dà fastidio, se la ronfa con una manina sotto il mento, l’aria di chi è già fuori dal mondo anche se vi è appena entrato da poche ore. Quell’aria disincantata tipica di un certo ceppo della mia famiglia, l’allure svagata e felice di chi nota una farfalla colorata tra i marciapiedi cittadini, o segue con lo sguardo una foglia portata via dal vento,  incurante del qui et ora, che vive un’esistenza pacifica nonostante le piccole tragedie quotidiane.

E’ Un Angelo è biondo, ha la pelle ambrata, mani e piedi lunghissimi, è piccolino e leggero come una piuma. Sta sopportando con ammirabile stoicismo le tirannerie di pediatri e ostetriche, del cuginetto, delle nonne. Impassibile. Lontano.

per dovere di cronaca devo riportare che la zia di E’ Un Angelo, cioè io,  è scoppiata a ridere non appena lo ha visto: le è sembrato per un attimo di avere in braccio il suo nonno in miniatura.

Annunci

Un pensiero su “è un angelo

  1. stx

    La sintesi del cerchio della vita: la zia, che abbraccia il nipote, che ricorda il nonno.
    Dai un bel bacione al piccolo Ondalunga.
    Certo che si meriterà presto l’appellativo di Tsunami, in barba all’apparente calma con cui osserva il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...