ESTATE….

Allora…..
come la mettiamo con questo tempo ballerino?
Un giorno si soffoca e il giorno dopo c’è freddino.
Sole e acquazzoni tropicali. Una schifezza.
Sarà che per me l’immagine dell’estate è quella di un mediterraneo azzurro e soleggiato che ha il profumo del mirto e del timo. Sono i muri tirati a secco in mezzo all’erba gialla e alle code di topo, quei fiori che sembrano appunto ciuffetti di pelliccia e che ondeggiano al vento.Sono i fichi del mio giardino, e degli alberi della vigna dei miei bisnonni, che ad agosto già gocciolavano di zucchero e di vespe ubriache. Sono cieli sempre azzurri e prati assetati di una goccia d’acqua, che noi ragazzi pregavamo di vedere il più tardi possibile.
Eh già, perchè la pioggia e i temporali erano l’anticamera del malinconico autunno e l’inizio della fine della nostra stagione preferita.

Annunci